Portale Trasparenza Cittā di Asti - Sportello Unico per l'Edilizia

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Sportello Unico per l'Edilizia

Responsabile di procedimento: Scaramozzino Pasquale Antonio

Descrizione

Dal 30 giugno 2003 è entrato in funzione ad Asti lo Sportello Unico per l’Edilizia.

Contrariamente a molti altri Comuni, l’Amministrazione di Asti ha dato immediatamente attuazione a tale nuovo istituto previsto dal Testo Unico dell’edilizia (DPR 380/01) che ha innovato i procedimenti amministrativi in materia di rilascio dei titoli abilitativi per gli interventi edilizi.

Lo Sportello Unico per l’Edilizia, in analogia con quanto già avviene per lo Sportello Unico per le attività produttive, ha il compito di curare tutti i rapporti tra il richiedente e la Pubblica Amministrazione semplificando i rapporti con gli utenti che potranno relazionarsi con un unico interlocutore anziché con una pluralità di uffici.

Lo Sportello Unico per l’Edilizia curerà tutti i rapporti con gli altri uffici dell’Amministrazione Comunale e quando occorra con le altre Amministrazioni tenute a pronunciarsi in ordine all’intervento (ad esempio Vigili del Fuoco, A.S.L., Sovrintendenza per i beni Ambientali ed Architettonici, ecc…) in modo da garantire al privato lo snellimento delle procedure e degli adempimenti attraverso un unico interfaccia amministravo per tutto l’iter della pratica.

Il Comune di Asti ha attivato lo Sportello Unico dell’Edilizia dal giorno di entrata in vigore della legge, in quanto si è ritenuto opportuno cogliere fin da subito, l’occasione del cambiamento delle procedure normative e regolamentari per modificare l’organizzazione degli uffici preposti a tali funzioni, al fine di migliorare i servizi nei confronti dell’utenza, composta per lo più dai tecnici professionisti incaricati.

In particolare, a differenza di quanto avveniva precedentemente con la consegna delle pratiche ed il ritiro degli atti presso lo stesso ufficio, è stato allestito uno sportello addetto esclusivamente al ricevimento delle pratiche edilizie (domande di Permesso di Costruire e Denunce Inizio Attività) presso il quale verrà effettuato all’atto della presentazione un primo esame della documentazione prodotta.

Contestualmente i tecnici del settore saranno direttamente a disposizione dei professionisti esterni e dei cittadini per ricevere la documentazione integrativa occorrente e fornire informazioni preventive all’inoltro delle pratiche o chiarimenti sull’iter delle stesse per le quali sono responsabili del procedimento.

E’ importante che i professionisti si abituino a richiedere gli appuntamenti con i tecnici comunali per ottimizzare e razionalizzare i tempi.
Del resto quello di ampliare le possibilità di incontri su appuntamento era una specifica richiesta degli ordini professionali.

Da ultimo uno sportello a piano seminterrato è stato esclusivamente adibito alla consegna all’utenza di tutti gli atti (provvedimenti, certificati ecc.) emanati dal settore.

Il settore, oltre alla riorganizzazione delle procedure, ha predisposto una nuova modulistica direttamente scaricabile da chiunque interessato presso questa sezione del sito alla voce "download modulistica".

Le nuove procedure snellite: abolite concessioni e autorizzazioni edilizie: da oggi “Permessi di Costruire” e “Denunce Inizio Attività”.

Le nuove procedure introdotte in ossequio al T.U. hanno abrogato le precedenti “concessione edilizia” ed “autorizzazione edilizia” in luogo di un nuovo provvedimento denominato “Permesso di Costruire”, ampliando il campo di applicazione della Denuncia di Inizio Attività; con questa procedura infatti potranno ora essere eseguiti molti degli interventi precedentemente soggetti a concessione edilizia con indubbi benefici per i cittadini per i tempi di realizzazione.

Da ora in poi potranno essere realizzati con la semplice D.I.A. anche gli interventi di ristrutturazione edilizia e di nuova costruzione in attuazione di Strumenti Urbanistici Esecutivi approvati dal Consiglio Comunale, oltre alle varianti a Concessioni Edilizie o Permessi di Costruire già rilasciati.

Con la procedura di D.I.A. gli utenti presentano il progetto e tutta la documentazione prevista.

Saranno i Professionisti incaricati dai loro clienti (architetti, ingegneri e geometri) ad attestare sotto la propria responsabilità la conformità degli interventi alle norme di legge e di piano regolatore.

Se la documentazione è completa il Comune avrà trenta giorni di tempo per verificare la congruità dell’intervento. Se in questo termine il Comune non rileverà carenze nella documentazione presentata o difformità da leggi e regolamenti il privato potrà realizzare l’intervento.

E’ evidente lo snellimento della procedura, poiché viene ribaltato il tradizionale concetto per cui per realizzare gli interventi edilizi occorreva richiedere un provvedimento di concessione o autorizzazione, mentre oggi si introduce una sorta di “silenzio assenso” per la maggior parte degli interventi.

Se invece nei trenta giorni il Comune rileva che mancano dei documenti o che devono essere richiesti pareri ad altri enti o uffici sarà il Comune stesso a richiedere tali integrazioni e la richiesta ovviamente sospenderà il termine fino alla consegna dei documenti stessi.

Se il Comune rileverà che l’intervento non è conforme alla legge o al piano regolatore o al regolamento edilizio potrà in qualunque momento fermare l’iter della procedura e impedire la realizzazione dell’intervento.

Chi contattare

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: .
Contenuto inserito il 19-09-2013 aggiornato al 16-04-2019
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza San Secondo 1 - 14100 Asti (AT)
PEC protocollo.comuneasti@pec.it
Centralino +39.0141.399111
P. IVA 00072360050
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza č sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it