Portale Trasparenza Cittā di Asti - Dichiarazioni di nascita

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Dichiarazioni di nascita

Responsabile di procedimento: Dabbene Giuliana Maria

Uffici responsabili

Servizi Demografici

Descrizione

 l’Ufficio nascite della Città di Asti riceve su appuntamento.

Per fissare un appuntamento occorre telefonare ai nn. 0141/399612, 0141 0141/399607 , 0141/399792,  o inviare una mail a statocivile2@comune.asti.it

L'ufficio riceve dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30 e il sabato dalle 8,30 alle 11,00. Nella giornata del sabato si ricevono esclusivamente le dichiarazioni di nascita in scadenza (decimo giorno dalla nascita).

 

Al momento della nascita i genitori o quello di essi che intende riconoscere il figlio devono provvedere alla DICHIARAZIONE DI NASCITA secondo le seguenti modalità:

1.    Recandosi personalmente presso la Direzione Sanitaria del Centro di nascita:

QUANDO

Entro tre (3) giorni dalla nascita.

DOVE

Ufficio amministrativo della Struttura complessa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Cardinal Massaia sita al terzo piano (orario dalle 8,30 alle 13,00 dal Lunedì al Venerdì).

CHI

Nel caso di genitori coniugati è sufficiente la dichiarazione di un solo genitore, negli altri casi devono rendere la dichiarazione entrambi i genitori.

COME

Previa verifica della residenza anagrafica dei genitori/genitore l’ufficio procede alla formazione dell’atto di nascita  e lo trasmette al Comune di residenza dei genitori e se diverso a quello della mamma per la trascrizione negli archivi dello stato civile. Le certificazioni relative alla nascita possono essere richieste al Comune che ha effettuato la trascrizione dell’atto. Il Comune di Asti nell’assicurare l’avvenuta trascrizione dell’atto ai genitori dichiaranti trasmette anche copia del certificato di nascita.

2.    Recandosi presso l’Ufficio di stato civile del Comune in cui è avvenuta la nascita oppure nel Comune di residenza dei genitori, se diversa, in quello di residenza della madre:

QUANDO 

Entro dieci (10) giorni dalla nascita.

DOVE

Ufficio Stato civile del Comune di Asti – Ingresso al pubblico Via De Amicis n. 8 (verificare sempre le eventuali comunicazioni di spostamenti temporanei della sede dell’ufficio).

CHI

Nel caso di genitori coniugati è sufficiente la dichiarazione di un solo genitore (padre o madre), nel caso di filiazione fuori dal matrimonio devono comparire personalmente entrambi i genitori.

COME

 I genitori/il genitore che intendono rendere la dichiarazione di nascita si devono presentare previo appuntamento presso l’Ufficio di stato civile muniti di un documento di riconoscimento e devono produrre in originale all’Ufficiale di stato civile l’ATTESTAZIONE DI NASCITA che l’Ostetrica consegna loro al momento del parto.

PROCEDIMENTO

L’ufficiale di stato civile riceve la dichiarazione e procede a formare l’atto di nascita iscrivendolo nei relativi registri e rilascia le certificazioni di nascita. Provvede quindi ad inviare comunicazione all’Ufficiale d’anagrafe del Comune di iscrizione del minore.

NOTIZIE PARTICOLARI

ATTRIBUZIONE DEL COGNOME

Nell’ordinamento italiano al bambino spetta il cognome del padre, tuttavia a seguito della Sentenza della Corte costituzionale n. 286/2016, i genitori sia coniugati che non, possono di comune accordo, scegliere di imporre al figlio anche il cognome materno posponendolo a quello paterno (rif: Circolare Ministero dell’Interno n. 1/2017). Ora quindi, la scelta può essere fatta al momento della nascita manifestando la propria volontà attraverso una dichiarazione congiunta dei genitori di cui l’Ufficiale di stato civile darà conto nell’atto di nascita.

ATTRIBUZIONE DEL NOME

Il nome imposto al bambino deve corrispondere al sesso dello stesso e può essere costituito da un solo nome o da più nomi, anche separati non superiori a tre. Nel caso siano imposti due o più nomi separati da virgola, negli estratti e nei certificati rilasciati dall’ufficiale dello stato civile e dell’anagrafe deve essere riportato solo il primo dei nomi.

BAMBINI FIGLI DI GENITORI ENTRAMBI STRANIERI

La disciplina del nome, del cognome e della cittadinanza dei bambini nati in Italia da genitori entrambi stranieri  è data dalle norme del paese di appartenenza dei genitori stessi. A questo scopo essi devono dichiarare che le generalità scelte e indicate all’Ufficiale dello stato civile al momento della dichiarazione di nascita sono conformi a dette norme. La nascita deve essere comunicata alle competenti autorità straniere del paese di appartenenza secondo le modalità da esse previste.

DIRITTO DELLA MADRE DI NON ESSERE NOMINATA

nel nostro ordinamento la donna che abbia dato alla luce un bambino può decidere di non riconoscerlo come figlio mantenendo l’anonimato. In tal caso la dichiarazione di nascita sarà effettuata dall’altro genitore o dall’ostetrica che ha assistito al parto e nell’atto di nascita sarà indicato che il bambino è nato da donna che non consente di essere nominata. Per garantire l’esercizio di tale diritto la donna che si reca in ospedale per partorire deve informare i sanitari di detta intenzione così che siano garantite ad essa ed al nascituro tutte le tutela necessarie per questi casi.

Diritto analogo spetta al padre che non intende riconoscere il bambino nato. In tali casi la donna non potrà nominarlo come padre nella dichiarazione di nascita.

Chi contattare

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: .
Contenuto inserito il 19-12-2017 aggiornato al 04-11-2019
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza San Secondo 1 - 14100 Asti (AT)
PEC protocollo.comuneasti@pec.it
Centralino +39.0141.399111
P. IVA 00072360050
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza č sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it