Portale Trasparenza Città di Asti - Accordi di separazione e divorzio

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Accordi di separazione e divorzio
Responsabile di procedimento: Berzano Andrea
Uffici responsabili
Servizio Stato civile
Descrizione

Accordi di separazione personale, scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni

Avviso:

Al fine di fornire un servizio efficace ed efficiente all'utenza, si prega di prendere visione dell’informativa, scaricare l’apposita modulistica (vedi moduli in calce) e di presentare la richiesta via mail al seguente indirizzo mail : protocollo.comuneasti@pec.it  - Per chiarimenti telefonare dalle ore 12,30 alle ore 13,30 ai numeri di telefono 0141/399607 o 0141399792.

Modifica delle condizioni di separazione o divorzio introdotte dalla legge 10/11/2014 n. 162
La legge 10 novembre 2014 n. 162 di conversione del decreto legge n. 132/2014 recante “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo civile” ha introdotto nel nostro ordinamento, in alternativa alle procedure giudiziali, nuove regole applicabili alla separazione e al divorzio.

Le nuove norme si applicano nelle ipotesi consensuali di:
- separazione personale;
- scioglimento del matrimonio;
- cessazione degli effetti civili del matrimonio;
- modifica delle condizioni di separazione o divorzio

E’ prevista la possibilità di ricorrere a due nuove procedure.
Gli accordi così raggiunti sono equiparati ai provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.
N.B.: Restano invariati i requisiti per la proposizione della domanda di divorzio (tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi).

A) Davanti all’avvocato : convenzione di negoziazione assistita da almeno un avvocato per parte (articolo 6 legge 10/11/2014 n. 162)
Tale procedura consente ai coniugi di separarsi, divorziare o modificare le condizioni di separazione o di divorzio senza ricorrere al Tribunale, tramite l’assistenza di almeno un avvocato
per parte: l’accordo può contenere patti di natura patrimoniale (economici e finanziari) tra i coniugi; tale convenzione assistita può essere stipulata anche in presenza di figli minori, di figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave riconosciuto dalla legge 05/02/1992 n. 104 o economicamente non autosufficienti (vengono considerati i figli di entrambi i coniugi o di uno solo di essi);
Competente a ricevere la convenzione assistita è il Comune di:
• celebrazione del matrimonio civile
• celebrazione del matrimonio religioso
• trascrizione del matrimonio celebrato all’estero (tra due cittadini italiani o tra un cittadino italiano e un cittadino straniero).

L'accordo di negoziazione assistita sarà trascritto nei registri dello stato civile entro 30 giorni dal ricevimento e ne sarà data conferma agli avvocati.

B) In Comune: accordo di separazione consensuale, richiesta congiunta di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, modifica delle condizioni di separazione o di
divorzio innanzi all’ufficiale dello stato civile (articolo 12 legge 10/11/2014 n. 162).
Tale procedura semplificata è ammessa solo in assenza di figli minori, di figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave riconosciuto dalla legge 05/02/1992 n. 104 o economicamente non autosufficienti (vengono considerati i figli di entrambi i coniugi o di uno solo di essi), e a condizione che l’accordo non contenga patti di trasferimenti patrimoniali (ad esempio: l’ uso della casa coniugale, l’ assegno di mantenimento, qualunque altra utilità economica fra i coniugi dichiaranti).
I coniugi possono avvalersi della presenza facoltativa di un avvocato.
N.B.: Restano invariati anche in questo caso i requisiti per la sottoscrizione dell’accordo di divorzio (tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi).

L’accordo può essere sottoscritto presso il Comune:
• di residenza di uno dei coniugi;
• di celebrazione del matrimonio civile o religioso;
• trascrizione del matrimonio celebrato all’estero (tra due cittadini italiani o tra un cittadino italiano e un cittadino straniero)

Procedimento:
- prenotazione di appuntamento al seguente indirizzo pec: protocollo.comuneasti@pec.it, oppure ai seguenti numeri telefonici : 0141-399606-399607-399792 (dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,30) per l’avvio del procedimento;
- il giorno fissato per l’appuntamento i coniugi, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità (carta di identità, patente, passaporto), dovranno presentarsi innanzi all’ufficiale dello stato civile per rendere la dichiarazione sostitutiva di certificazione;
- in alternativa, la dichiarazione sostitutiva di certificazione debitamente compilata può essere trasmessa, unitamente ai documenti di riconoscimento dei coniugi, al seguente indirizzo pec: protocollo.comuneasti@pec.it;
- l’ufficiale dello stato civile provvederà d'ufficio all'acquisizione dei documenti utili al procedimento, in possesso di altra pubblica amministrazione italiana: in tutti gli altri casi, il cittadino, per poter concludere l’accordo in questione, deve produrre i documenti richiesti per comprovare i requisiti e le condizioni prescritte dalla legge. I coniugi dovranno ripresentarsi in giorno concordato davanti all’ufficiale dello stato civile per la sottoscrizione dell’accordo;
- nel giorno fissato entrambi i coniugi sottoscriveranno l’accordo, soggetto al pagamento contestuale del diritto fisso di Euro 16,00; i coniugi saranno invitati a comparire innanzi all’ufficiale dello stato civile non prima di ulteriori 30 giorni per la conferma dell’ accordo;
- la conferma dell’accordo farà decorrere gli effetti della separazione personale, del divorzio, della modifica delle condizioni di separazione o divorzio dalla data della prima sottoscrizione;
- la mancata comparizione dei coniugi, o di uno di essi, equivarrà a mancata conferma dell’ accordo e comporterà la conclusione del procedimento senza produrre effetto tra le parti.
N.B. Se uno dei coniugi non conosce la lingua italiana, deve essere assistito da un interprete - munito di documento di riconoscimento in corso di validità (carta di identità, patente,passaporto) - in tutte le fasi del procedimento.
 

Chi contattare
Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
Costi per l'utenza


 

Riferimenti normativi
Servizio online
Tempi previsti per attivazione servizio online: .
Contenuto inserito il 26-01-2015 aggiornato al 21-12-2017

Ricerca procedimenti

Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza San Secondo 1 - 14100 Asti (AT)
PEC protocollo.comuneasti@pec.it
Centralino +39.0141.399111
P. IVA 00072360050
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza è sviluppato con ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it